Successo per le ERN e DG SANTE nominate da EURORDIS per il premio europeo di buona amministrazione

La Direzione generale della Commissione europea per la salute e la sicurezza alimentare (DG SANTE), con le sue reti europee di riferimento (ERN), altè il vincitore assoluto di un premio per la buona amministrazione.

Il premio gli è stato conferito dal del Difensore Civico Europeo per il suo lavoro nella promozione della collaborazione transfrontaliera per migliorare la vita dei 30 milioni di persone affette da malattia rara in Europa. La nomination di DG SANTE per questo premio è stata proposta da EURORDIS.

Le ERN, il progetto per collegare i pazienti con malattie rare a esperti di tutto il continente, è stato lanciato ufficialmente all'inizio il 9 marzo 2017 a Vilnius – Lituania. Il progetto è "un chiaro esempio dei vantaggi dell'Unione europea quando si tratta di affrontare problemi che affliggono un piccolo numero di persone nei singoli Stati membri, ma che possono invece beneficiare collettivamente dalla collaborazione attraverso l'UE", ha detto Emily O'Reilly, il Difensore Civico. "La forza e il peso dell'UE sono necessarie per promuovere la ricerca, le alleanze e la cooperazione scientifica transfrontaliera."

Valentina Bottarelli di EURORDIS ha commentato: "E 'un onore essere qui oggi con la squadra DG SANTE. Negli ultimi 20 anni le cose sono cambiate drasticamente per la comunità delle malattie rare e questo volevamo far riconoscere che con questa nomina. Il lavoro delle istituzioni europee come DG SANTE hanno reso questo cambiamento possibile e i pazienti affetti da malattie rare potranno sperimentare il valore aggiunto della collaborazione europea ogni giorno con il progetto delle ERN".

Il premio si allinea con l'anniversario del Trattato di Roma- patto fondante dell'Europa unita - e, altro fatto significativo, i vincitori del premio sono stati nominati un giorno dopo che il Regno Unito ha attivato l'articolo 50 per uscire dall'UE.

I funzionari della Commissione, tra cui il presidente Jean-Claude Juncker, hanno elogiato le ERN come una sorta di manifesto anti-Brexit che fa emergere i benefici dell'integrazione europea. Mentre 30 milioni di persone in Europa con malattie rare trarranno beneficio. Anche se 24 le reti di riferimento hanno solo poche settimane di vita, già sono una speranza per i 30 milioni di pazienti in Europa affetti da malattie rare. La piattaforma informatica per coordinare e condividere i dati sarà attiva e funzionante da quest'estate, ma le riunioni dei rappresentati dei clinici e dei pazienti sull'operatività sono già cominciate.

EURODIS, l'alleanza europea dei pazienti affetti da malattie rare è stata una grande forza politica dietro le ERN, ha nominato DG Sante per il premio consapevole del grande impatto che questo progetto avrà per i cittadini dell'Europa. I vincitori sono stati scelti da un comitato consultivo indipendente che ha esaminato 90 candidati.

Il Difensore Civico europeo, Emily O'Reilly, ha lodato la varietà e la qualità delle candidature per il Premio per la buona amministrazione in una cerimonia a Bruxelles giovedì 30 marzo 2017. Lanciato nel mese di ottobre, il Premio ha visto candidati 90 progetti nominati dalle principali istituzioni europee così come da molte agenzie e da altri organismi. I premi sono stati suddivisi e assegnati in 7 categorie, vetrina degli sforzi individuali e collettivi dell'amministrazione UE di fare azioni positive per il continente

"Il servizio civico svolto dalla UE è a volte sottovalutato. Se ne tiene conto nel mio dipartimento, dà alcuni giornalisti e altri addetti ai lavori, ma è importante che ci sia uno spazio pubblico per il riconoscimento di un lavoro ben fatto. Trovo anche molto opportuno che questa cerimonia si svolga intorno al significativo anniversario del Trattato di Roma ", ha detto la sig.ra O'Reilly.

Oltre la metà delle nomine hanno riguardato la Commissione, altre hanno incluso la Corte di giustizia, la Banca centrale europea, il Garante della protezione dei dati europei; il Comitato delle regioni, l'Europol e l'Agenzia europea per la sicurezza alimentare tra gli altri.
I progetti candidati hanno incluso metodi innovativi di coinvolgere i cittadini nel processo decisionale; l'elaborazione di banche dati di facile accesso; dispensare spiegazioni di facile comprensione ai cittadini delle politiche e dei programmi dell'UE; partecipare a riunioni di esperti in streaming; metodi per portare i servizi al pubblico in modo più efficiente e di facile accesso. Hanno partecipato team di diverse dimensioni, e che hanno coinvolto nel lavoro organismi nazionali in tutti gli Stati membri, fino a presone singole che hanno introdotto spinte positive di cambiamento.

Per un elenco dei vincitori nelle diverse categorie, cliccare qui 

Il Difensore Civico accoglie denunce relative ai casi di cattiva amministrazione nelle istituzioni, agenzie e organismi. Qualsiasi cittadino dell'Unione europea, residente, o di un'impresa o un'associazione nella UE, possono presentare una denuncia a questo ufficio. I suoi poteri comprendono il diritto di ispezionare documenti dell'UE, chiamare i funzionari di testimoniare e aprire inchieste strategiche di sua iniziativa. Per maggiori informazioni: www.ombudsman.europa.eu

UNIAMO - Federazione Italiana Malattie Rare onlus

Sede legale e amministrativa
Via Nomentana, 133
00162 Roma 
Tel. e fax (+39) 06 4404773
C.F. 92067090495 P.IVA 08844231004
Orari: dal Lunedì al Venerdì: dalle ore 9.30 alle ore 18.00

Centro studi e progettualità
San Marco, 1737
30124 Venezia (VE)
Tel./Fax: (+39) 041 2410886

FacebookTwitterYoutube